Rivista "IBC" XXII, 2014, 4

mostre e rassegne, pubblicazioni

"Pantagruelica. Tavole imbandite > Tavole trasgredite", Cervia (Ravenna), Magazzini del Sale, 6-27 dicembre 2014, 3-6 gennaio 2015.
"Pantagruelica": a tavola con gli artisti

Valeria Cicala
[IBC]

Difficile immaginare un evento che meglio si attagli alle festività di fine anno e che riesca a coniugare due aspetti importanti dello spirito di questi giorni: la gioia della condivisione, dell'incontro, e il piacere di stare a tavola. Si tratta della mostra "Pantagruelica. Tavole imbandite > Tavole trasgredite", curata da Marisa Zattini. L'esposizione, inaugurata a Cervia, presso i Magazzini del Sale, è stata aperta al pubblico, a ingresso gratuito, dal 6 al 27 dicembre 2014 e ancora dal 3 al 6 gennaio 2015.

Un tema - quello del buon cibo, della sua presentazione, della sua estetica - che proietta lo sguardo verso l'Expo 2015 di Milano. La prima esposizione universale del XXI secolo avrà infatti come tema portante "Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita". E Cervia si trova a due passi dalla spiaggia di Milano Marittima, che in qualche modo rinnova e rinsalda il suo rapporto con la città meneghina, che ne decretò la nascita e la fortunata storia di stazione balneare oltre un secolo fa. L'Expo arriverà dunque sulla costa adriatica e si nutrirà della sua ottima tradizione enogastronomica, da sempre una delle cifre portanti della regione.

Se, dalla letteratura al cinema, le ricette, gli chef, i pranzi e le cene forniscono titoli e storie che solleticano il palato e coinvolgono anche gli altri sensi, la storia dell'arte, come pure la filosofia, hanno un repertorio infinito di oggetti, di rappresentazioni, di metafore connesse con il banchetto, con la tavola, e dunque con il cibo. Dal simposio di platonica memoria, al banchetto di Trimalcione, dalla madeleine tanto cara a Proust alle pellicole, soprattutto francesi e italiane, imperniate su trame fortemente connesse con il cibo. Uno spazio assai articolato, poi, è quello di carattere religioso che in molte culture si attribuisce al cibo: si veda, in quella cristiana, la simbologia del pane e del vino.

L'esuberante esposizione cervese realizza un'ideale summa dedicata al tema del cibo e del vino, grazie alle opere di una nutrita schiera di artisti. Il nucleo iniziale, "Cibus & Cibus. Del Gusto e del dis-Gusto", ha raggruppato opere commissionate e realizzate nel 2011 in occasione del centenario della morte di Pellegrino Artusi, il quale contribuì in notevole misura a dare, al paese da poco unificato, una coesione che aveva il gusto e il sapore di una comune civiltà del cibo. Nell'altro versante dell'esposizione emergevano gli "innesti fantastici" sul tema della "Sobria ebrietas: Vino Vizi & Virtù", tre termini uniti da un'efficace assonanza, come sottolinea Gianfranco Lauretano nell'editoriale pubblicato sul fascicolo della rivista "Graphie" che costituisce il catalogo della mostra.

Le opere riunite per questa iniziativa "gargantuesca" - tanti gli artisti invitati, e non mancava un omaggio a Tonino Guerra - confermano, secondo Marisa Zattini, la vocazione della terra di Romagna "al fantastico, all'imprevedibile, all'inimmaginabile". Emozioni, passioni, visioni: tutto trova nell'arte una piattaforma ideale, uno specchio che getta uno sguardo sul passato e riflette sul futuro, stimolando nuove idee e nuove prospettive anche per un tema universale come questo.

 

Azioni sul documento

Elenco delle riviste

    Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373

    Via Galliera 21, 40121 Bologna - tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it

    Informativa utilizzo dei cookie

    Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271
    Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it