Rivista "IBC" XI, 2003, 3

itinerari, pubblicazioni

Luoghi ebraici in Emilia-Romagna, testi di I. M. Marach, curatela di A. Sacerdoti, Milano, Touring Club Italiano, 2003.
Emilia-Romagna ebraica

Lidia Bortolotti
[IBC]

Alla fine del 1987 l'Istituto per i beni culturali della Regione Emilia-Romagna (IBC) diede alle stampe un ricco e ponderoso repertorio frutto della triennale attività di un gruppo di specialisti: Cultura ebraica in Emilia-Romagna, a cura di Simonetta M. Bondoni e Giulio Busi. Attraverso un migliaio di schede redatte con cura e rigore scientifico uniti ad una straordinaria passione si tentava allora di ricostruire per la prima volta, nell'ambito territoriale dell'Emilia-Romagna, il complesso panorama della cultura ebraica nel corso di circa cinque secoli, ossia a partire dal XIV secolo fino all'emancipazione avvenuta nel 1860 con l'unità d'Italia. Il patrimonio riscoperto risultò di eccezionale interesse.

Le singole schede di quell'opera, che talvolta assumevano la forma e la discorsività di piccoli saggi, restituirono con straordinaria vivacità la vita e le abitudini degli ebrei italiani che vissero in Emilia-Romagna; fu recuperata la memoria luoghi comunitari e di residenza; furono rilevati gli oggetti rituali pubblici e privati, i libri e i manoscritti in lingua ebraica, indagate le attività professionali e artigianali, fino ai provvedimenti giuridici e polizieschi che regolavano l'esistenza delle comunità, ricostruendo così un milieu culturale di inconsueta complessità. I rapporti tra ebrei e cristiani in Emilia-Romagna sono stati contraddistinti nel tempo da attriti, incomprensioni, cacciate e segregazioni ma anche da pacifica convivenza e tolleranza; ai divieti si sono alternati privilegi e talvolta la diversità è divenuta motivo di reciproca benefica influenza.

Da quella prima indagine, nell'arco di oltre vent'anni, le iniziative volte all'approfondimento della conoscenza di questa specifica cultura si sono moltiplicate a ritmo serrato, per volontà sia di istituzioni accademiche sia della Regione attraverso l'IBC. In particolare la realizzazione dell'innovativo Museo ebraico di Bologna - inaugurato nella primavera del 1999 e retto da una Fondazione costituita da Regione, Provincia, Comune e Comunità ebraica di Bologna - ha notevolmente contribuito a diffondere ed approfondire, attraverso numerose iniziative culturali quali mostre, convegni, conferenze, concerti, visite guidate e viaggi di studio, la conoscenza del patrimonio culturale ebraico sia nell'ambito regionale che extraterritoriale.

La recente pubblicazione della guida Luoghi ebraici in Emilia-Romagna - edita dal Touring Club Italiano (TCI), promossa dall'Assessorato al turismo e al commercio della Regione, con testi di Ines Miriam Marach e curatela di Annie Sacerdoti - costituisce un ulteriore interessante contributo alla divulgazione e alla conoscenza del rilevante patrimonio ebraico in territorio emiliano-romagnolo. Ben confezionata, secondo l'inconfondibile stile del TCI, la guida offre un più che valido supporto ad un visitatore attento, proponendogli un itinerario culturale "parallelo" attraverso le numerose località delle province emiliano-romagnole che nei secoli hanno visto la presenza di comunità ebraiche più o meno rilevanti.

La guida, tuttavia, offre pure spunti di riflessione per un'attenta inquadratura storica affinché le vicende delle comunità ebraiche della nostra regione non risultino decontestualizzate dal complessivo ambito storico-sociale. Né sono tralasciati aspetti peculiari dell'ebraismo quali ad esempio la cucina, le feste e le tradizioni, la musica e la danza, l'idioma e le inevitabili contaminazioni dialettali. Al viaggiatore che vorrà seguirne i suggerimenti questo volume offre la chiave per intraprendere un itinerario della memoria vario e stimolante, portandolo a scoprire e talvolta a rileggere particolarità e aspetti desueti del nostro paesaggio urbano e del nostro patrimonio culturale.

 

Luoghi ebraici in Emilia-Romagna, testi di I. M. Marach, curatela di A. Sacerdoti, Milano, Touring Club Italiano, 2003, 160 p., s.i.p.

 

Azioni sul documento

Elenco delle riviste

    Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373

    Via Galliera 21, 40121 Bologna - tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it

    Informativa utilizzo dei cookie

    Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271
    Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it